Home > Artisti > BRAGAGLIA ALBERTO

BRAGAGLIA ALBERTO

L'opera di Alberto Bragaglia, pittore e filosofo, non è molto conosciuta al grande pubblico, poiché fece pochissime mostre e anche molti scritti attendono ancora di essere censiti e studiati. Scrisse di estetica, di filosofia dell'arte, di poetica, di movimenti artistici. 
Seguì meticolasmente gli avvenimenti culturali europei, citandone i protagonisti nelle sue riflessioni, nei suoi bozzetti, nei suoi disegni, nelle sue tele. 

La sua opera, contributo essenziale al Futurismo Europeo, lo qualifica e lo impone come protagonista notevole dell’avanguardia del primo Novecento italiano. 
Alberto Bragaglia nasce a Frosinone il 26 gennaio 1896 e la a sua produzione incomincia verso il 1915 e prosegue fino al 1985. Prese due lauree, in Giurisprudenza e in Lettere e Filosofia, si sposò nel 1927 con Ines Desideri, chiamata Nessy, e per molti anni, dipinse, insegnò, scrisse articoli e proseguì la sua ricerca di estetica. 

Ebbe due figli, Francesco Maria e Leonardo; quest'ultimo si accorse della genialità del padre e, grazie a lui, molti articoli sono stati pubblicati e le mostre hanno riscosso attenzione di critica. 
Nel 1985, a ottantanove anni, Alberto Bragaglia muore, lasciando tutto a Leonardo, che continua a promuovere il patrimonio lasciato dal padre. 

Il pictor philosophus Bragaglia ha partecipato al movimento futurista accanto a Boccioni e Balla (nel 1910, suo primo anno del liceo classico, Bragaglia frequenta lo studio dei pittori Bocchi e Boccioni, ritrovandosi nel mezzo del movimento Futurista), proseguendo poi la sua ricerca lontanissimo da tutti gli schematismi novecenteschi.

Mente geniale, vasta cultura, fantasia estetica speculativa di indirizzo rivoluzionario, ma carattere indipendente; autore della Panplastica e della Policromia Spaziale Astratta, elaborò con la pittura queste teorie scandendo un ritmo differente dalla “eterna velocità onnipresente” e dalla “violenza travolgente e incendiaria” del Futurismo di Marinetti. 

La grazia lirica della danza e della musica pervadono l’arte di Alberto Bragaglia con un moto di forme e colori straordinari. Nudi danzanti, ballerine e ginnasti sono tra i suoi soggetti preferiti, ma senza tralasciare i paesaggi e le città dell’avvenire.

 

PER MAGGIORI INFO: www.albertobragaglia.com

 

OPERE

MEDUSA

1919
acquarello su carta
44x32cm

DECALCOMANIA

1916
olio su cartone
43x33cm

CITTA'

1921
olio su carta
55x40cm

INTERNO

1921
pastello e tempera su carta
45x32cm

LEZIONE DI DANZA

1982
matita su carta
70x50cm

COREOGRAFIA

1958
tecnica mista su carta
50x35cm

VASI E BROCCHE

1916
tempera su carta
45x32cm

PAESAGGIO FUTURISTA

1915
acquarello su carta intelata
100x70cm

ORDITO

1919
acquarello su carta
100x70cm

VASI E FRUTTA

1916
olio su cartone
43x33cm

TORO

1961
tecnica mista su carta
42x56cm

CITTA' DI NOTTE

1925
penna e acquarello su carta
18x23cm